Procedure Espropriative

Procedure Espropriative

Dettaglio procedimento

Procedure espropriative per opere di pubblica utilità

 

Tipo

D’Ufficio

Nome del procedimento

Avvio del procedimento espropriativo

Descrizione

L’UTI dovendo eseguire un’opera di pubblica utilità è legittimata, in forza delle leggi in vigore, ad esercitare il potere di espropriare i beni immobili necessari per l’esecuzione dei lavori.  La procedura espropriativa inizia con il deposito presso l’Ufficio espropri dell’UTI del progetto preliminare o di fattibilità dell’opera pubblica, unitamente ai documenti ritenuti rilevanti e ad una relazione sommaria delle opere da eseguire. Del deposito viene data notizia a tutti gli intestatari catastali mediante avviso di “Avvio del procedimento di dichiarazione di pubblica utilità”.

Entro il termine di 30 giorni dal ricevimento della comunicazione di avvio del procedimento gli interessati possono proporre al Responsabile del procedimento delle osservazioni sul progetto. Le eventuali osservazioni vengono poi esaminate direttamente dall’UTI che provvede a formulare le proprie deduzioni ed a recepirle nel provvedimento di approvazione del progetto definitivo dell’opera pubblica.

Norma di riferimento

D.P.R. n. 327 del 8 giugno 2001 e ss. mm. ii. Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di espropriazione per pubblica utilità.

Incaricati dell’istruttoria

Andrea Faleschini – tel 0428/90351 – int. 920

andrea.faleschini@cdferro-vcanale.utifvg.it

Riccardo Zelloth – tel 0428/90351 – int. 931

riccardo.zelloth@cdferro-vcanale.utifvg.it

Responsabile del procedimento

Dr. for. Alessandro Oman

Telefono:  0428 / 90351 int. 929

alessandro.oman@cdferro-vcanale.utifvg.it

Casella istituzionale di posta elettronica

uti.canaldelferro-valcanale@certgov.fvg.it

Termine di presentazione di eventuali osservazioni

30 gg dal ricevimento dell’avviso dell’avvio della procedura espropriativa